Non solo Ricamificio… Non solo Ricamatrici…


Lavorando a stretto contatto con il Sig. Ferre’, abbiamo a nostra volta dovuto osare ed andare oltre seguendo le Sue indicazioni, superando tutti quegli “ostacoli” di percorso che ogni nuova collezione aveva ed ha in riserbo.
Tutto doveva essere “ricamabile” e la ricerca di nuovi materiali da ricamo non doveva conoscere limiti. Il sopperire a queste esigenze ha portato la Ricami Laura a creare un reparto aziendale dove, attraverso l’utilizzo di alcune macchine speciali, siamo in grado di “creare” materiali da ricamo. Usando infatti filati di diversa composizione, dal cotone, alla bava di viscosa, alla lana, al filo metallico, alla seta, possiamo creare cordoncini, virgolini, fettucce, trecce, tripoloni ed altri materiali che non esistono sul mercato, rendendo cosi’ unica e speciale ogni tipologia di ricamo. Inoltre, su richiesta dei nostri clienti, utilizzando rasi, fettucce, gros-grain, velluto, organze, chiffon, e altri materiali, siamo in grado di “costruire” passamanerie a metratura, ed in alcuni casi, siamo in grado di costruire passamanerie usando gli stessi materiali che i clienti hanno usato per le loro collezioni. Non solo.
La continua ricerca della perfezione del Sig. Ferre’, il continuo impulso datoci dai suoi collaboratori per creare capi unici e perfetti, hanno indotto la Ricami Laura ad includere nel suo team di professioniste non solo ricamatrici, ma anche sarte, stiliste e modelliste.
Trovandoci spesso a “costruire” capi partendo da un semplice tulle, o da un semplice chiffon, si rendeva indispensabile la presenza di personale qualificato anche nella modellistica, nonche’ di disegnatrici esperte che sapessero come “rubare” o “regalare” millimetri al disegno del ricamo per evitare difetti alla prova manichino.
C’e’ sempre da tenere conto di una cosa importantissima quando ci si avventura nel campo del ricamo. Non importa di che tessuto sia fatto il capo in questione, non importa a quale tipo di lavorazione viene sottoposto, non importa che tipologia di ricamo verra’ applicata a quel capo. Il ricamo “mangia” o “stira” il tessuto, sempre.Una volta stabilito quanto un capo viene distorto dopo la lavorazione, sia la distorsione in eccesso o in difetto, si andra’ ad intervenire sul disegno del ricamo, riducendolo o aumentandolo in percentuale perche’ il risultato finale sia e rispecchi la perfezione.